menù

Cosa influenza i mercati finanziari

Sapere  i mercati finanziari da cosa sono influenzati ci aiuta scegliere come e dove investire o se continuare a farlo.

Sono 3 le categorie che più di tutto possono influenzare sapete di quali sto parlando?

I prezzi di un mercato si muovono in funzione della domanda e dell’offerta. 

Il mercato azionario segue lo stesso funzionamento, quindi più i compratori sono disposti a pagare per acquistare una certa azione più il prezzo aumenta. 

All’inverso più i venditori sono aggressivi e disposti ad accettare a prezzi sempre più bassi pur di vendere un’azione più il prezzo di questa scenderà.

Ma quali sono le macro categorie di fattori che influenzano le scelte di venditori e compratori e influenzano i mercati finanziari?

Sono 3 principali:

  1. notizie societarie 
  2. aspettative future
  3. fattori esogeni

prendiamo in rassegna ognuna di esse singolarmente e scopriamo con quali strumenti ciascuna influenza i mercati.

Mercati finanziari e notizie societarie

Sono delle comunicazioni con i quali la società comunica con e al mercato attraverso strumenti quali comunicati stampa e bilanci.

Comunica notizie come dividendi, notizie straordinarie, andamenti societari, nuovi piani aziendali, variazioni di utili, di personale, di redditività o ancora acquisizioni e vendite.

mercati finanziari

Queste notizie possono essere più o meno attese e prevedibili o notizie che invece giungono del tutto inattese. Per esempio la morte di un amministratore delegato o la scoperta di un nuovo prodotto, farmaco, giacimento. 

Le notizie attese hanno un impatto modesto mentre le notizie inattese sono chiaramente quelle che più impattano sul mercato.

Pensate a cosa succede quando un’azienda vince si aggiudica una grande commissione o scopre un nuovo farmaco che gli garantisce crescita e sicurezza nel medio o lungo periodo cosa accadrà? 

Tutti sul mercato vorranno acquistare quelle azioni, che si apprezzeranno sul mercato e anzi il prezzo salirà ancora di più perché molti saranno disposti a pagare anche molto di più per tenerle nel loro portafoglio. 

All’opposto, notizie negative spingeranno invece il prezzo dell’azione a scendere perché gli investitori vorranno vendere e ad accettare via via prezzi più bassi pur di non tenere un titolo in perdita o finché lo scenario non cambia.

Un esempio? Guardate il grafico in basso di Fca.

La prima freccia in nero indica la scomparsa dell’Ad Sergio Marchionne nel luglio 2018, notate come i prezzi sono scesi istantaneamente. La seconda invece riguarda la notizia del 30 ottobre dell’unione del gruppo con Peugeot, guardate come i prezzi sono invece schizzati.

mercati finanziari

ACCEDI ORA al gruppo Facebook Io Investo dove troverai ogni giorno video analisi dei titoli azionari, rubriche di approfondimento, supporto e assistenza da ben 4 analisti tecnici per l’analisi dei titoli che hai in portafoglio.

Aspettative future

Le aspettative future indicano ciò che si aspettano gli operatori su una determinata società, settore o mercato.

Possono essere aspettative di crescita come ad esempio in questi anni tutto ciò che riguarda la robotica, l’automazione e l’intelligenza artificiale. 

Tali prospettive positive si riflettono sul mercato e di conseguenza le azioni di una specifica società o di qualsiasi altra attiva nel comparto saliranno. 

Anche qui vale l’opposto per ciò che riguarda le aspettative negative che potranno provocare una riduzione ulteriore dei prezzi e dell’andamento di mercato.

Vedete nel grafico in basso le previsioni di diffusione delle auto elettriche, come impatterà sul futuro dell’automotive?

Previsioni e studi simili influenzano molto il mercato.

mercati finanziari

Gli strumenti dove reperire queste informazioni sono, ma non in via esclusiva, studi e riviste di settore, report di ricerche di mercato o indagini statistiche e così via.

Trasformati in un vero trader con il percorso da 0 a finalmente Trader, senza commettere quei terribili (e costosi!) errori che io stesso ho commesso 10 anni fa!

Fattori esogeni

I fattori esogeni sono tutti quei fattori che sono esterni alla società e che non hanno nulla a che vedere con la sua vita societarie.

Il primo esempio è nella politica che può varare nuove leggi o abrogare altre, pensate alle normative o ai regolamenti da rispettare o ancora ai contratti collettivi del lavoro, o ancora e più ovvia le tasse che possono colpire impianti, produzione, prodotti intermedi e funzionali alla lavorazione del prodotto.

Possono essere sia leggi, regolamenti positivi o negativi, ma ognuno di questi influenza i mercati.

Una dimostrazione è in tutte le iniziative volte alla limitazione della concorrenza o alla certificazione dei prodotti come il marchio DOP.

Sempre dal lato della politica pensate non solo a normativa e giurisprudenza ma anche a tutte le scelte politiche macro o micro, ognuna a modo proprio influenza i mercati finanziari o le società operanti su questi.

O ancora le politiche monetarie o l’andamento generale dell’economia.

 Per esempio Paesi più a rischio default di altri o Paesi emergenti e con economie in crescita, pensate al default della Grecia e come ha influenzato il mercato finanziario e mondiale.

Così come i rapporti tra gli Stati, le politiche internazionali e gli accordi commerciali, pensate alla Brexit o ai conflitti commerciali tra USA e Cina che si ripercuotono su tutte le borse.

Un altro fattore esogeno molto importante e da non tralasciare consiste nei tassi di interesse.

Questi hanno un forte impatto sul mercato. 

Pensate al mercato obbligazionario e a come tassi di interesse in aumento fanno scendere i prezzi delle obbligazioni o al contrario se riceviamo invece la notizia di tagli di tassi ci troveremo davanti a un rialzo dei prezzi delle obbligazioni.

Che tra l’altro è proprio ciò che sta avvenendo in questi anni dove per il taglio dei tassi di interesse le obbligazioni hanno visto crescere di molto il loro prezzo.

In basso trovate il grafico dei rendimenti dei Treasury USA a due anni (%) prima e dopo il primo taglio. (Fonte:Sole 24h da Bloomberg, calcoli Robeco). Vedete come variano?

Li conoscevate tutti questi fattori? Ne avete mai tenuto in considerazione o vi è capitato che vi rovinassero un trade o un investimento?

Scrivetemelo nei commenti!

Alessandro Moretti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *