menù

Cosa sono le doji e come utilizzarle

Vi siete mai chiesti cosa sono le Doji?

Se state iniziando a fare trading online e ad utilizzare le candele giapponesi vi sarete sicuramente imbattuti nelle “Doji”.

Si tratta di un pattern imprenscindibile per condurre una buona analisi.

ACCEDI ORA al gruppo Facebook Io Investo dove troverai ogni giorno video analisi dei titoli azionari, rubriche di approfondimento, supporto e assistenza da ben 4 analisti tecnici per l’analisi dei titoli che hai in portafoglio.

Cosa sono le Doji

Sono delle candele molto particolari che indicano che il prezzo di apertura e di chiusura è stato lo stesso.

Questo comporta che il loro real body sia minimo, se non nullo, e che quindi corrisponde quasi ad una linea.

Come potete vedere si presentano nel modo rappresentato nell’immagine.

come si presenta

Come abbiamo fatto per altri pattern andiamo a guardare al significato del termine.

Doji significa “inghippo” e quindi ci segnala che in qualche modo c’è qualcosa che non va, proprio per questo esse indicano che il trend sta cambiando.

A cosa servono le Doji

Le Doji sono perciò delle candele in grado di predire l’inversione di un trend, tanto più se si verificano dopo un uptrend importante.

Per questo dovete prestare attenzione quando le trovate perché sono candele di incertezza che ci fanno immediatamente pensare che il trend di provenienza stia cambiando.

Prima della formazione della candela di solito si manifesta qualche segnale di cedimento quando poi si presenta questo pattern ecco che è possibile l’inversione.

Le probabilità di inversione poi si incrementano se la candela seguente conferma l’avvenuta inversione.

Dobbiamo attendere, però, la candela successiva per confermare  l’avvenuta inversione.

La nuova candela che possibilmente rompe al ribasso il minimo toccato dalla nostra doji e successiva ad essa ci darà conferma che l’inversione è in atto e potremo operare.

Quando una doji si forma in situazioni di ipercomprato o ipervenduto ovviamente abbiamo maggiori possibilità che ci troviamo pronte ad un’inversione e così se il mercato si trova anche a ridosso di importanti livelli tecnici.

Per importanti livelli tecnici intendiamo ad esempio livelli di importanti supporti e resistenze e se ci sono altri segnali di inversione di esaurimento del trend che possiamo andare a rilevare con altri indicatori.

Sarebbe quindi doveroso valutare anche bene la situazione prima del verificarsi della doji poiché se ci sono molte doji anche prima dovrebbero suggerire che l’inversione del trend è imminente e comunque l’incertezza è molto forte.

Altri usi delle doji

Questo tipo di candele sono veramente importanti perché molto spesso sono in grado di richiamare i livelli massimi del mercato, i top, molto più che i minimi, i bottom.

In particolare ciò avviene perché di fronte ai rialzi del mercato i tori, i nostri compratori sono tranquilli e sereni quindi i rialzi hanno bisogno di di tranquillità.

La doji invece è proprio una candela di incertezza che esprime nervosismo perciò se compare dopo un uptrend, soprattutto se è molto prolungato, essa determina che il mercato non è sereno, i nostri compratori sono in agitazione e l’inversione è presso prossima.

Come dobbiamo comportarci in questo caso?

Dovremo, come detto, attenderci successive conferme.

Sui minimi invece sono meno attendibili e quindi quando si verifica un leggero downtrend è meglio non andare subito ad operare ed essere più prudenti.

Una curiosità, quando si presentano dopo un uptrend si chiamano Nothern Doji e se si presentano dopo invece un downtrend si chiamano Southern Doji.

Vediamo così i le diverse tipologie esistenti.

I tipi di Doji

I tipi di Doji che si possono individuare sono essenzialmente 3.

A determinare il diverso tipo è essenzialmente la sua shadow, la sua ombra.

Il tipo zero che non indagheremo è quello neutrale che non è altro che una doji normale e classica e che indica una forte indecisione, le ombre hanno un range molto ristretto.

Indaghiamo perciò mglio i 3 tipi esistenti:

  1. Long Legged Doji
  2. Gravestone Doji
  3. Dragonfly Doji

tipi di doji esistenti gravestone dragonfly legged

La prima è la Long Legged Doji.

Siamo davanti ad una Long Legged Doji quando ha la upper shadow w la down shadow molto lunghe. Esiste così un range molto alto che sta ad indicare che c’è stata una forte spinta verso il rialzo o ribasso, ma qualcosa ha subito riportato una spinta ugualmente forte nel senso opposto.

Sta proprio ad indicare una forte incertezza e anche per questo viene chiamata Richshow Man Doji.

Nessuno riesce a prendere quindi una direzione, né tori né orsi.

La Gravestone Doji ha invece una grande upper shadow, lunghissima.

Essa indica che la forza dei compratori è stata veramente tanta, ma che in qualche modo indecisi o per prendere profitto sono poi usciti alcuni di loro  determinando una pressione contraria o che in qualche modo gli orsi hanno fermato il rialzo, proprio per questo ha implicazioni ribassiste.

Si chiama infatti pietra tombale non a caso, i giapponesi la chiamano così perché è proprio la tomba dei tori passati a miglior vita nel tentativo di difendere il proprio spazio.

Si trova di solito dopo un rialzo come segno della sua potenziale conclusione.

Infine la Dragonfly Doji  quando all’opposto della Gravestone, ha una lunghissima coda inferiore e la upper shadow è quasi assente.

Indica proprio un grande ribasso dei prezzi, cui ha fatto seguito una spinta che ha riportato il prezzo sul livello di apertura, all’opposto della gravestone.

Infatti gli orsi hanno perso completamente il controllo del mercato, spazio invece preso dai tori che indica un’inversione dopo un periodo di ribassi.

Come usarle nel trading

Come detto esse per essere del tutto significative devono essere valutate alla luce del contesto in cui si presentano e quindi successivamente ad una valutazione del mercato generale.

Difficilmente se compare ad inizio di un trend indicherà un’inversione.

Se compare invece in mezzo ad un  trend può indicare una correzione o una prima piccola incrinatura.

Non sono chiare?

Vediamo degli esempi concreti.

Trasformati in un vero trader con il percorso da 0 a finalmente Trader, senza commettere quei terribili (e costosi!) errori che io stesso ho commesso 10 anni fa!

Come si presentano sul mercato: gli esempi reali

Vediamo come appaiono questi “inghippi”, come riconoscerle.

Qui in basso trovate un esempio chiaro, lo potete vedere cerchiato in basso, si presenta una doji dopo un down trend e che determina poi l’inversione.

La riconoscete? Di quale tipologia si tratta?

Si tratta di una Long Legged Doji, con lunga upper shadow che si forma in prossimità di un supporto dopo abbiamo anche queste nursing e poi appunto l’inversione.

esempio doji

Ma vediamo un secondo caso.

Che tipo di candela abbiamo?

doji dragonfly

Questa invece è una Dragonfly Doji che si forma dopo un downtrend a cui segue la nostra inversione.

Volete vedere anche una Gravestone Doji?

Eccola ben evidente qui su come detto i livelli più importanti.

gravestone doji

Siete riusciti ad individuarli? Sarà più facile ora fare trading?

Fatemi sapere cosa ne pensate e le vostre domande nei commenti.

Alessandro Moretti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *