Broker's battle: La guida definitiva per scegliere il broker
menù

Pullback: 4 modi per usarli nel trading

I pullback derivano dalla matematica, in particolare attengono a tutto il campo della geometria differenziale.

Bene, se ora volete smettere di leggere avreste la nostra piena comprensione ma vediamo come i pullback si possono applicare al trading e come non è così complesso di quanto state pensando.

Prenderemo solo il meglio e più facile della matematica per applicarlo al trading e scoprire cosa sono questi pull back.

Che cos’è un pullback?

Il prezzo non segue mai solo una linea retta e i movimenti di prezzo su qualsiasi mercato finanziario possono di solito essere descritti da ondate di prezzo.

I mercati si alternano tra ondate di tendenza rialzista (rialzista) e ribassista (ribassista).

In questi giorni ne abbiamo abbondantemente avuto la prova.

Il pullback indica uno stop temporaneo una sospensione del trend di un asset.

Orsi e tori stanchi di contendersi si prendono un momento di break.

Spesso questo termine è usato in alternativa al ripiegamento o consolidamento.

Ma vediamolo subito graficamente in basso.

Durante una tendenza al rialzo, come potete vedere dal grafico seguente, il trend dominante ha continuato a crescere.

Le ondate di correzione rappresentano movimenti contro la direzione del trend in corso.

Chi fa trading sui pullback cerca proprio queste fasi di contrazione e inserirsi in queste fasi durante i tempi di negoziazione.

I pull back sono infatti diversi dalle inversioni che invece costituiscono un movimento più duraturo contro una tendenza prevalente.

L’idea è che si desidera attendere che il prezzo si “arresti” durante un trend e così offrire un’opportunità per continuare a cavalcare un trend in salita.

Se il mercato si alza e tu hai perso il segnale di ingresso o credevi fosse un falso segnale questo è un buon momento.

Chi non vorrebbe entrare quando i prezzi sono bassi e sfruttare così i trend di rialzo?

I pullback ti aiutano a trovare tali opportunità.

Ma quali tipi di pull back esistono?

 

Breakout pullback

I pullback di breakout sono molto comuni e probabilmente la maggior parte degli operatori li ha già incontrati.

I pullback di breakout si verificano comunemente nei punti di svolta del mercato, quando il breakout dei prezzi si trovano in un modello di consolidamento.

Modelli di consolidamento sono ad esempio testa e spalle, triangoli o rettangoli sono i più popolari.

Nello scenario di seguito, il prezzo è entrato in un triple top dopo un lungo trend rialzista.

Il triplo top ha un livello di supporto inferiore molto ben definito e viene spesso definito per cronometrare le voci di breakout.

L’errore che dovreste evitare in questa situazione è di spostare lo stop loss per evitare di entrare troppo presto e risentire ed essere buttati fuori dal pullback, che non a caso significa “tirato indietro”.

Ecco come si presenta il break out di pullback.

 

Timing per entrare

Quindi la domanda che sorge spontanea è: come si fa trading sui pullback?

Sebbene ci siano molti modi in cui è possibile avvicinarsi al pullback trading vi sono due modi principali.

Un primo approccio è aggressivo attende che il prezzo torni nell’area di pullback ed entra subito su questa occasione.

Il punto 1 segna questo approccio nello scenario seguente.

Se vuoi usare questa strategia ci sono alcuni punti che devi considerare quando scegli un tale approccio:

  • Questo punto può spesso contrassegnare il punto estremo dell’onda di correzione e la fase di pullback;
  • Il potenziale rapporto rischio / rendimento è il più alto seguendo tale approccio perché lo stop loss può essere posizionato molto strettamente;
  • Lo svantaggio è che si entra in uno scambio contro la direzione del prezzo e il prezzo potrebbe facilmente andare contro di te;

L’approccio aggressivo è così più pericoloso ma anche di conseguenza più proficuo in questo le regole di money management devono essere seguite epdissequamente.

Il secondo approccio è più conservatore si attende che  il prezzo continui la struttura di tendenza e rompa su un nuovo minimo.

L’entrata prudente avviene proprio quando il prezzo segna un nuovo minimo più basso.

Con questo approccio, il trader segue lo slancio.

L’ingresso conservativo avviene più tardi e, quindi, anche il potenziale rapporto rischio / rendimento è molto più basso rispetto alla precedente tecnica.

Non c’é giusto o sbagliato tra l’uno o l’altro.

Dipende dalle preferenze personali e come detto dalla vostra propensione al rischio, l’esperienza e l’obiettivo che avete settato.

I  pullback sono veramente comuni e sono la chiara rappresentazione della struttura naturale degli andamenti oscillatori dei prezzi presenti e caratterizzanti qualsiasi mercato.

pullback trading

 

Pullback a passi orizzontali

Come detto i pullback non sono altro che il ritmo naturale del prezzo e dimostra il flusso e riflusso del comportamento del mercato.

Un altro tipo di pullback è quello a passi orizzontali o a scalini.

Durante le fasi di tendenza in corso, il prezzo presenterà spesso quei modelli a gradini, come una piccola scalinata.

Questo approccio pullback è una grande aggiunta al pullback breakout precedentemente discusso.

Il pullback del breakout avviene molto vicino ai punti di inversione del mercato.

Ma se un trader perde l’opportunità di ingresso iniziale, gli horizontal steps possono consentire al trader di trovare scenari di ingresso alternativi man mano che il trend avanza.

Un trader potrebbe anche scegliere di utilizzare il modello di stepping per tirare in modo più sicuro lo stop loss dietro la linea tendenza.

In questo caso, il trader attende fino a quando il prezzo non ha completato un passaggio, quindi sposta lo stop loss dietro l’ultima area di pullback.

Lo stop loss è quindi protetto in modo sicuro e non così vulnerabile, si riesce così ad ammortizzare le perdite e a prendere qualche guadagno.

 

Come sfruttare le trendline

Le linee di tendenza sono un altro famoso strumento di pullback.

Lo svantaggio è che le linee di tendenza spesso richiedono più tempo per essere convalidate.

Generalmente una linea di tendenza richiede 3 punti di contatto per essere convalidata.

Le linee di tendenza possono funzionare bene in aggiunta ad altri metodi di pullback, ma come metodo autonomo, il trader può perdere molte opportunità quando la convalida della linea di tendenza richiede molto tempo.

Per ora perciò è meglio vi affidate ad altri pattern dell’analisi tecnica: Analisi tecnica: guida step by step per utilizzarla al meglio

pullback come usarli

ACCEDI ORA al gruppo Facebook Io Investo dove troverai ogni giorno video analisi dei titoli azionari, rubriche di approfondimento, supporto e assistenza da ben 4 analisti tecnici per l’analisi dei titoli che hai in portafoglio.

Pullback sulla media mobile

Senza dubbio, le medie mobili sono tra gli strumenti più popolari nell’analisi tecnica e sono utilizzate in molti modi.

E puoi anche usarli anche per il pullback trading.

Ma per capire come sfruttare le medie mobili vi rimandiamo direttamente a: medie mobili come usarle per guadagnare.

Nella schermata qui sotto, è stata usata una EMA a 50 periodi e il prezzo ha mostrato 2 pullback durante la tendenza al ribasso.

È molto comune che il prezzo superi la media mobile e mostri pullback molto profondi.

Questo è il motivo per cui è necessario dare più spazio alla respirazione se si sceglie una tale strategia di pullback.

 

Come hai visto, ci sono molti modi diversi di affrontare i pullback e puoi anche combinare i vari strumenti per ottenere segnali ancora più forti.

Qual è il tuo preferito e quali sono le tue esperienze con i pullback?

Fammelo sapere qui nei commenti.

Trasformati in un vero trader con il percorso da 0 a finalmente Trader, senza commettere quei terribili (e costosi!) errori che io stesso ho commesso 10 anni fa!

Alessandro Moretti

Lascia un Commento