Vuoi diventare un trader professionista? Scopri la Masterclass Professione Trading
menù

Mercato azionario: cos’è e come funziona

Cos’è un azione? Come funziona il mercato azionario? Come posso affacciarmi a questa professione?

Davvero è così rischioso, pericoloso e complesso come tutti lo dipingono?

Vi sarà sicuramente capitato di sentirne parlare al tg o alla radio, ma cos’è il mercato azionario o mercato borsistico che dir si voglia, e come funzionano le azioni, con tutte quelle strane sigle che vediamo solitamente vicino a quei numeri che oscillano così freneticamente?

Come funziona il mercato azionario

Per capire come funziona il mercato azionario immaginatelo come un grande mercato virtuale.

Una enorme piazza in cui ogni giorno avvengono milioni e milioni di scambi che hanno come oggetto le azioni ma non solo.

Sono sicuro che vi sarà capitato di vedere in qualche film quei “pazzi furiosi” che gridano parole senza senso con pezzi di carta in mano intorno ad una postazione.

Alzino la mano quelli a cui è capitato almeno una volta!

Bene quelli sono i mercati finanziari di una volta, quando le persone erano costrette ad incontrarsi dal vivo per comprare e vendere azioni ed altri strumenti finanziari.

Ora, grazie alla tecnologia, quei posti rumorosi e confusionari, sono diventati virtuali.

Oggi chiunque può comprare o vendere azioni comodamente dal proprio pc di casa senza dover necessariamente mettersi ad urlare come un forsennato.

Ma, partiamo dalle basi ..

Cos’è un azione?

Le società per azioni, le SPA, hanno il capitale diviso in quote che vengono dette azioni.

Ogni azione rappresenta una piccola parte della società.

Il funzionamento delle azioni di mercato è questo: chi possiede le azioni è in parte proprietario della società e ne condivide diritti e doveri con tutti gli altri proprietari, ognuno ovviamente in base alla percentuale di azioni che possiede.

Praticamente una società per azioni prende il suo capitale e lo divide in tante piccole parti, ognuna delle quali rappresenta una piccola percentuale della società.

Il funzionamento delle azioni di mercato è molto semplice, come se voi prendeste una mela e la divideste in 4 spicchi.

Ogni spicchio rappresenta il 25% del totale della mela.

Chi possiede ad esempio 2 spicchi, possiede il 50% della mela.

Ed ecco spiegato in maniera molto semplice cos’è un azione:

Piccole quote del capitale di una società, ma perché ci si quota in borsa?

Perché le società mettono le azioni sul mercato e si quotano in borsa?

Le società si quotano in borsa per 2 motivi:

  • Il primo motivo è per poter vendere le azioni e far liquidare l’investimento a tutti gli investitori che avevano investito nella società prima della quotazione in borsa. Molti investitori infatti sono specializzati nel prendere le aziende quando sono microscopiche,  le lasciano crescere fino alla quotazione in borsa e poi vendono tutto per cercare nuove opportunità.
  • Il secondo è per trovare liquidità da poter reinvestire per finanziare lo sviluppo di nuovi progetti, per espandersi o per rimettere a posto buchi di bilancio.

Acquistando le azioni sarete proprietari della società insieme a tutti gli altri azionisti.

Sì esatto, se compri 1 azione Fiat sei il proprietario della società come la famiglia Agnelli.

Chiaramente il peso che avrai all’interno della società sarà tanto maggiore quante più azioni avrai in possesso.

Con una sola azione, potresti presentarti al consiglio di amministrazione, ma dubito che potrai avere voce in capitolo.

Cosa si rischia ad investire in azioni?

Una azione ha una passività limitata, cosa significa?

Che se investi in azioni non puoi perdere più del capitale investito.

Ricorda inoltre che queste tutt’al più possono valere zero, ma non possono avere valore negativo.

Il valore di un’azione scaturisce dall’incrocio di più elementi.

mercato azionario

ACCEDI ORA al gruppo Facebook Io Investo dove troverai ogni giorno video analisi dei titoli azionari, rubriche di approfondimento, supporto e assistenza da ben 4 analisti tecnici per l’analisi dei titoli che hai in portafoglio.

Perché gli investitori comprano le azioni?

I motivi per cui si investe in azioni sono principalmente 2.

 1) Per rivenderle ad un prezzo più alto e quindi guadagnarci.

Vi faccio un esempio!

Credete che il settore dello streaming musicale sia in forte ascesa e il valore di piattaforme come Spotify possa crescere tantissimo da qui in avanti?

Benissimo!

Potete scegliere di acquistare un’azione di Spotify che oggi vale faccio per dire 2€ per rivenderla quando il suo valore sarà aumentato, ad esempio a 5€, andando quindi a realizzare un profitto di 3€ ad azione.

In questo grafico vi mostro ad esempio com’è cresciuto il valore di Netflix dal 2012 ad oggi.

Netflix

Se aveste comprato un’azione Netflix nel 2012 a 10 dollari l’avreste potuta rivendere a giugno 2018 a 392 dollari.

 2) Un altro motivo sono i dividendi.

Una Società che produce utili, può scegliere di dividere parte di questi utili tra i suoi azionisti, una specie di ricompensa per i soldi che hanno investito.

Ipotizziamo che nel 2002 avete scoperto il mercato azionario e investito in azioni Enel.

In questo grafico vi mostro l’andamento del prezzo delle azioni Enel.

Come possiamo vedere, anche se i prezzi non si sono mossi in modo significativo, io investitore avrei comunque guadagnato dalla distribuzione dei dividendi.

Tutti i dividendi distribuiti negli anni li potete vedere evidenziati con la lettera D.

Mercato azionario: cos'è e come funziona

Attenzione alla tassazione sui dividendi che è diversa dalla tassazione sulle plusvalenze che si ottengono comprando e vendendo azioni.

Per approfondire questo ed altri aspetti fiscali vi rimando alla guida completa:Tassazione investimenti: quello che devi sapere.

L’importante è che capiate bene che non ci si improvvisa investitori e che allo stesso tempo non è impossibile.

Chiunque può avvicinarsi a questa professione, non sono indispensabili lauree ma di sicuro, per avere una carriera lunga e profittevole, dovrete studiare.

Avere ben chiaro cos’è un azione è il primo passo.

Ne abbiamo di due diversi tipi:

  • Azioni Ordinarie, ovvero quelle che attribuiscono diritto di voto nelle assemblee societarie e il diritto ai dividendi;
  • Azioni di Risparmio che non danno diritto di voto, ma garantiscono privilegi di natura patrimoniale come ad esempio dividendi più alti rispetto a quelli distribuiti agli azionisti ordinari.

Praticamente un investitore che investe in azioni di risparmio di una società, rinuncia al diritto di voto per avere maggiori dividendi.

Avrete sicuramente notato che ogni azione ha un prezzo in ogni dato momento e che questo prezzo varia durante le ore in cui i mercati sono aperti.

Il prezzo di un’azione è dato dal punto di incontro tra domanda e offerta, tra compratori e venditori.

In ogni dato momento in cui i mercati sono aperti, ci sono compratori e venditori pronti a comprare e vendere le diverse azioni a prezzi specifici.

I compratori sono coloro che credono che i prezzi saliranno.

I venditori sono coloro che credono che i prezzi scenderanno.

Cos’è il mercato azionario:

L’incontro tra venditori e compratori

Il prezzo scaturisce quindi dal prezzo a cui un compratore è disposto a comprare un’azione e il prezzo a cui un venditore è disposto a vendere la stessa azione.

Se si incontrano avviene lo scambio e quindi l’azione passa dal venditore al compratore e il denaro viene trasferito dal compratore al venditore.

Quel prezzo a cui avviene lo scambio diventa il prezzo ufficiale di mercato per quel dato secondo.

Quando ci sono compratori che sono disposti a pagare prezzi più alti pur di comprare una specifica azione e ci sono pochi venditori che vogliono liberarsi di quell’azione, allora i prezzi salgono.

Viceversa quando ci sono tanti venditori che pur di sbarazzarsi delle azioni di una società sono disposti anche ad accettare prezzi più bassi e ci sono pochi compratori disposti ad acquistare quelle azioni, allora i prezzi dell’azione scendono.

Il prezzo delle azioni è quindi determinato dall’andamento della domanda e dell’offerta.

Quando i mercati chiudono, ogni titolo ha un prezzo specifico che sarà il risultato di tutte le oscillazioni che il titolo ha subito durante la giornata.

Prendiamo ad esempio questo grafico del titolo FIAT, possiamo vedere come il titolo oscilli durate tutta la giornata di mercato, aprendo con un valore pari a circa €14,7 e chiudendo la giornata con un valore attorno ai €14,5.

Mercato azionario: cos'è e come funziona

Il mercato borsistico e il timing

La formazione del prezzo di un’azione è un processo in continua evoluzione.

Ci sono diversi fattori che possono influire sull’aggressività dei compratori e dei venditori durante l’arco della giornata.

1) Primo: l’andamento della società (ossia l’andamento del business, gli utili, il fatturato, i flussi di cassa, l’indebitamento, il numero di clienti).

Più cresce il business di una società, più vengono attratti nuovi compratori che sono disposti a pagare prezzi più alti pur di acquistare quelle azioni.

In caso contrario le azioni di quella società, potrebbero perdere valore perché ci sarebbero tanti venditori aggressivi e pochi compratori disposti a comprare.

2) Secondo elemento da valutare è l’andamento del settore, ovvero l’andamento di altre aziende appartenenti allo stesso settore;

3) Terzo, le notizie che in qualche modo coinvolgono la società o il settore in cui opera la società come ad esempio nuove partnership, realizzazione di nuovi prodotti o servizi, accordi di distribuzione in nuovi paesi ecc.

E in Italia come funziona il mercato azionario?

In Italia il mercato azionario si chiama MTA – Mercato telematico azionario – e non va confuso con la Borsa di Piazza Affari del quale rappresenta uno dei suoi segmenti più importanti.

Attenzione a non confondere anche la Borsa Italiana, ossia il mercato in cui avvengono gli scambi, con il Ftse mib che è l’indice che rappresenta l’andamento medio delle 40 più grandi società italiane.

Qui troverai come funzionano gli indici di borsa: Indici di Borsa: scopri cosa sono e come investire

Trasformati in un vero trader con il percorso da 0 a finalmente Trader, senza commettere quei terribili (e costosi!) errori che io stesso ho commesso 10 anni fa!.

Mercato finanziario

Il mercato finanziario è una parte dell’intero mercato dei capitali che prevede le negoziazioni di strumenti generalmente a più medio/lungo termine differendo in parte dal mercato monetario e ancora dal mercato azionario.

Oggi i mercati sono molto cambiati rispetto al passato e sono diventati piattaforme informatiche chiamate sedi di negoziazione.

Queste permettono l’incontro tra domanda e offerta di strumenti finanziari secondo ordini immessi telematicamente.

Sono passati i bei tempi dove le quotazioni si facevano urlando.

Ma anche qui non tutti i mercati sono uguali.

Le categorie dei mercati finanziari

Distinguiamo nel nostro Paese:

  1.       mercati regolamentati
  2.       sistemi multilaterali di negoziazione
  3.       internalizzatori sistematici

Il mercato azionario classico dove avvengono la gran parte delle quotazioni fa parte dei mercati regolamentati.

Sul mercato mobiliare si scambiano contratti che danno diritti trasferibili alle persone.

A seconda del diritto trasferito abbiamo diversi strumenti.

Se il diritto è di proprietà abbiamo le azioni, se sono diritti patrimoniali abbiamo le obbligazioni.

Bene ma se questo è il contenitore cos’è il contenuto?

Sul mercato azionario si scambiano le azioni, ed è per questo che siamo partiti dal che cos’è un azione.

Una definizione di mercato azionario

Per capire cos’è il mercato azionario cerchiamo di darne una definizione.

Il Garzanti così come la Treccani ci rimandano direttamente alla definizione di borsa e poi alla sezione del mercato azionario italiano.

Cos’è la borsa

La borsa non è altro che il mercato regolamentato dove si scambiano valute e titoli mobiliari secondo norma che ne ordinano la negoziazione ed i rapporti tra i diversi soggetti partecipanti.

In economia borsa indica proprio il luogo dello scambio, il termine invece nasce dal nome di alcuni mercanti veneti detti proprio Della Borsa.

Mercanti e banchieri del 1500 usavano riunirsi nella Bruges per scambiarsi titoli e valute.

Cos’è la borsa telematica

Finiti i tempi degli incontri di palazzo, con l’arrivo della tecnologia, anche lo scambio delle azioni e dei titoli è molto cambiato e sono nate nuove figure di intermediazione.

La borsa telematica nasce nel 1996 e soppianta quelle famose “grida” con cui i trader chiamavano e si scambiavano azioni e titoli.

L’attuale borsa valori consiste in un sistema integrato di reti telematiche dove intermediari specializzati immettono ordini in tempo reale.

Quotazioni

Una società però quando si quota in borsa deve rispettare specifici criteri e requisiti.

Una volta verificati dalle autorità, essa può poi quotarsi sulla borsa di Milano o del Paese dove vuole che le sue azioni siano scambiate.

L’ammissione alla quotazione ufficiale di borsa è disciplinata dal Regolamento di borsa che ordina l’organizzazione e la gestione dei seguenti mercati regolamentati.

Il mercato azionario Italiano è il Mercato telematico azionario o MTA.

borsa-italiana-processo-di-quotazione-in-borsa

Che cos’è l’MTA?

L’MTA è il mercato regolamentato delle azioni in Italia il che è differente dalla borsa di Milano, sulla borsa sono scambiati diversi tipi di asset.

Il mercato azionario è un segmento dove sono scambiate azioni che fanno riferimento a diversi tipi di aziende.

Oltre alle azioni sul MTA puoi trovare obbligazioni convertibili, diritti di opzione e warrant.

Borsa Italiana può comunque introdurre un lotto minimo.

mercato azionario azioni capitalizzazione borsa

Mercato azionario e orari di negoziazione

Sul mercato azionario gli scambi avvengono secondo precisi orari.

Il mercato apre alle 9:00 e chiude alle 17:30.

Le negoziazioni delle azioni si possono svolgere secondo le seguenti modalità:

  • Asta di apertura (pre asta e apertura) 8:00 – 9:00
  • Negoziazione continua 9:00 – 17:35
  • Asta di chiusura (pre asta e chiusura) 17:35 – 17:40
  • Negoziazione al prezzo di asta di chiusura

mercato azionario cosè orari negoziazione

Come altri mercati anche il mercato delle azioni si divide in:

  • mercato primario qui si scambiano le azioni di borsa di nuova emissione
  • mercato secondario qui si scambiano le azioni già emesse, è qui che avvengono le principali contrattazioni

Nel mercato primario le imprese vendono i propri titoli al pubblico per la prima volta.

Il mercato primario è il mercato dove vengono scambiati i titoli che sono alla loro prima emissione, qui si svolgono le IPO, le offerte pubbliche di vendita e scambio, le operazioni di aumento di capitale con emissione di nuove azioni offerte in sottoscrizione.

Mentre il mercato secondario è il mercato finanziario dove si scambiano i titoli già collocati.

Questo significa che se ad esempio Apple entrasse per la prima volta sul mercato dovrei andare direttamente da Apple sul mercato primario per comprarne le azioni.

Sul mercato primario i governi o le istituzioni del settore pubblico raccolgono fondi attraverso offerte di obbligazioni.

Il mercato secondario include la Borsa di New York (NYSE), il Nasdaq e tutti i principali mercati del mondo.

In questo mercato gli investitori scambiano direttamente tra di loro titoli già in circolazione.

Tornando all’esempio di prima se volessi acquistare azioni Apple, vado sul mercato secondario e le acquisto da altri investitori che le hanno già comprate e le vogliono vendere.

Non le compro direttamente da Apple e neanche dal broker o intermediario.

ACCEDI ORA al gruppo Facebook Io Investo dove troverai ogni giorno video analisi dei titoli azionari, rubriche di approfondimento, supporto e assistenza da ben 4 analisti tecnici per l’analisi dei titoli che hai in portafoglio.

La capitalizzazione di borsa

Oltre a primario e secondario, il mercato borsistico si articola al suo interno in ulteriori sotto segmenti che sono individuati dalla capitalizzazione delle aziende quotate.

Abbiamo visto cos’è un azione e dove avvengono gli scambi, ora vediamo quest’altro aspetto molto importante, indice di solidità e affidabilità.

La capitalizzazione di borsa di un titolo azionario dipende dal valore dato dal numero di azioni in circolazione della società, moltiplicato per il prezzo di mercato.

La capitalizzazione serve a misurare quanto è grande una società.

Ad esempio se FIAT ha un capitale sociale costituito da 100 azioni ordinarie il cui valore è pari a 3 euro, la capitalizzazione di borsa sarà uguale a:

100 azioni x 3 euro = 300 euro

Proprio in base alla capitalizzazione, l’MTA, il mercato azionario italiano, si divide in segmenti che dipendono dalla capitalizzazione e dal flottante delle azioni.

I segmenti sono:

  • Blue chip, dove si negoziano le azioni delle 40 società a capitalizzazione maggiore (oltre i 1.000 mln di euro);
  • Mid Cap, dove si negoziano i titoli delle 60 società quotate a media capitalizzazione che non rientrano tra le Blue chip;
  • Small Cap, dove si acquistano o vendono le azioni delle società di piccola dimensione che non rientrano né tra le Blue chip né tra le Mid Cap;
  • Micro Cap, che riguarda invece quelle società che sono letteralmente microscopiche.
  • Star, che coinvolge le società a capitalizzazione compresa tra i 40 e i 1.000 mln di euro, ma con alti requisiti di trasparenza, governance e liquidità;
  • MTA International dove sono negoziate le azioni di società quotate in borse UE
  • AIM – Alternative Investment Market: è un segmento non regolamentato dove possono essere acquistate azioni di società che per quotarsi in questo segmento devono rispettare requisiti minori e meno stringenti.

È un segmento meno liquido, ossia dove avvengono meno scambi e meno trasparente, per cui più rischioso e pericoloso soprattutto per il piccolo investitore poco esperto.

Il prezzo dinamico nel Mercato MTA è dato dal prezzo dell’ultimo contratto concluso durante la seduta corrente.mercato azionario cos è segmenti borsa

Esempi di altri mercati azionari

I mercati azionari sono ormai presenti in tutto il mondo.

Abbiamo il NYSE, il NASDAQ, il London Stock Exchange, quello russo e quello cinese che con i loro indici permettono di scambiare azioni delle società di quel Paese o che lì vogliono essere scambiate.

Pro e contro del quotarsi in borsa

Riuscire ormai a farsi quotare in borsa porta un gran prestigio e già questo remunera in parte la società.

Tuttavia, quando un’azienda si quota perde la proprietà della propria azienda lasciandola agli azionisti il che potrebbe farla facile preda dei competitor o della semplice speculazione.

Riuscire a quotarsi è un’operazione dispendiosa ma permette anche in maniera facile e veloce di raccogliere capitali, questo elemento può essere un vantaggio, ma anche uno svantaggio per il proprietario.

I mercati azionari sono volatili, caratteristica che da gioia e dolori all’investitore e anche al proprietario e fondatore dell’azienda.

Come investire in Borsa

Se vuoi investire in borsa e comprare azioni o scambiare azioni quotate sul mercato azionario non è complicato.

Basta aprire un conto bancario, aprire il deposito titoli e puoi cominciare a comprare azioni.

Comprare azioni e rendere quest’attività profittevole non è però così facile.

Bisogna capire se si sta comprando l’azione giusta e, se fate trading, se state comprando l’azione giusta, al giusto prezzo e nel giusto momento.

Per questo è sempre bene prima di improvvisarsi Gordon Gekko, di studiare ed approfondire: cos’è un azione, come si comprano azioni, ecc.. e se siete qua siete nel posto giusto, e sono sicuro che vi appassionerete a questo mondo, così affascinante e anche molto entusiasmante, oltre che remunerativo.

Ma come funziona il mercato azionario per investire?

Per iniziare a investire puoi scegliere principalmente due strade.

La prima è operare come investitore individuale e agire in piena autonomia attraverso le piattaforme di trading online, oppure affidarti al risparmio gestito e acquistare le quote di un fondo comune che investirà in azioni al posto tuo.

Cosa studiare per investire nel mercato azionario

Se ti stai chiedendo a questo punto cosa studiare e come cominciare per investire nel mercato azionario su questo sito trovi davvero molte risorse.

Puoi iniziare da alcune letture:

E se poi proprio non ti accontenti c’è anche una sezione gratuita con molte risorse gratis per iniziare a investire in azioni.

Intanto se vuoi scoprire alcune curiosità sul mercato azionario ti consiglio di leggere qui:

Quante ne sai sul mercato azionario?

E voi conoscevate cos’è il mercato azionario?

Se avete altri dubbi su come funziona il mercato azionario scrivetemi tutto qui nei commenti.

Trasformati in un vero trader con il percorso da 0 a finalmente Trader, senza commettere quei terribili (e costosi!) errori che io stesso ho commesso 10 anni fa!.

Alessandro Moretti

Lascia un Commento

0Commenti

    Lascia un commento