Speciale Black Friday: Corso Avanzato fino al 20% di sconto
menù

Quante ne sai sul mercato azionario?

Vediamo quante ne sapete sul mercato azionario.

Siete pronti a mettervi alla prova su cos’è un azione, quali sono le azioni di borsa che sono andate meglio di sempre e il mercato azionario più grande ad oggi?

Iniziamo subito a scoprire alcune curiosità sul mercato borsisitico e le azioni mercato.

E se volete approfondire cos’è il mercato azionario per investire in azioni, trovate qui la nostra spiegazione:Mercato azionario: cos’è e come funziona.

Quanto varrebbero le quotazioni azioni di Apple possedute da Ronald Wayne?

Ronald Wayne è stato il terzo cofondatore di Apple inseme a Steve Wozniak e Steve Jobs, con i tre possedeva diverse azioni al momento della quotazione iniziale.

Ma nel 1976 decise di vendere il 10% della sua quota di azioni e con il sennò di poi gli costò molto cara.

Quanto cara?

Ad oggi le quotazioni azioni Apple sono quotate circa 360-365 dollari.

Così considderando che lui ha venduto il 10% a 800 dollari…

Eh direi che come minimo considerando le attuali quotazioni azionarie ha perso all’incirca un valore di 35 miliardi di dollari.

Meglio passare alla nostra seconda curiosità sulla borsa e il mercato azionario.

Qual è stata la prima azienda ad emettere azioni borsa?

La Dutch East India Company è stata la prima multinazionale esistente, fu creata nel 1602.

È stata la prima società a emettere azioni ed è oggi il nonno di tutte le società.

Gli azionisti non hanno avuto molta influenza: la società era controllata dai suoi amministratori.

Tuttavia, gli azionisti sono stati ampiamente ricompensati soprattutto dal mercato azionario.

Se non tanto magari dall’andamento dei mercati soprattutto dai dividendi.

I dividendi annuali sono stati in media del 16% e questo nel 17° secolo quindi un ritorno decisamente alto ed insperato, consolatevi, su, almeno noi avevamo Caravaggio e Galilei.

E il mercato borsistico più tradizionale di tutti?

No, non è la Borsa di Milano ma Wall Street, la borsa valori di New York è la più attenta alle regole in quanto i broker non possono entrare nel pavimento dello scambio se non indossano giacca e cravatta.

Certo però anche la Borsa di Milano sebbene possa essere meno “formale” non potete non ammettere che sia la più stilosa.

Quali sono i mercati più capitalizzati?

Ve lo state chiedendo e vi chiedete quale borsa valori possa avere i numeri più alti in termini di capitalizzazione.

Di nuovo vince New York, seguita dal Nasdaq, ma in terza posizione per capitalizzazione tra tutte le borse valori indovinate un po’ chi c’è?

No, il mercato azionario italiano è ben lontano, arriva terzo il…

Giappone con 5 trilioni di dollari.

mercato azionario

 

Passiamo alla prossima domanda sul mercato azionario, prometto che è facile: quali sono i Paesi con il mercato azionario più grande?

Gli Stati dal mercato azionario più grande?

Nel 2020, i mercati azionari degli Stati Uniti rappresentavano oltre il 54% delle azioni mondiali.

Le azioni sono un investimento interessante e ancora di gran lunga preferito dagli americani perché il rendimento delle azioni è superiore a quello offerto da molti altri strumenti finanziari (i fondi) e investimenti.

Il second Stato più grande per quota di borsa è di nuovo il Giappone, seguito poi dal Regno Unito.

Anche se, dobbiamo ammettere, la minaccia della Brexit potrebbe cambiare presto la classifica.

Oltre la metà degli adulti negli Stati Uniti sta investendo denaro nel mercato azionario.

mercato azionario 2020

 

Ma se questi sono i Paesi dai mercati azionari più grandi….

Qual è stato il mercato azionario dalle quotazioni più performanti negli ultimi 110 anni?

Bolla Internet e crisi finanziaria globale incluse, secondo una ricerca di Credit Suisse del 2010, è stata l’Australia.

La nazione dei canguri ha avuto il mercato azionario più performante al mondo, pensate dal 1900 al 2009.

Secondo uno studio di Credit Suisse l’Australia ha registrato rendimenti post-inflazione del 7,5% all’anno in quel periodo, con una deviazione standard del 18,2%.

Questi rendimenti non solo sono stati i più alti, ma hanno tratto forza anche da una volatilità che si è classificata al secondo posto più basso dei 19 principali mercati studiati dai ricercatori.

I paesi considerati nell’indagine sono prevalentemente Paesi sviluppati, con esclusione dei paesi BRIC – Brasile, Russia, India e Cina – o altri mercati emergenti..

Durante quel periodo, i titoli statunitensi hanno realizzato un rendimento del 6,2%, con una deviazione standard del 20,4%.

Ciò significa che chi avesse investito avrebbe guadagnato più denaro investendo in titoli australiani con meno volatilità rispetto ad un medesimo investimento negli USA o su qualsiasi altro mercato.

Bene finiamo per oggi con l’ultima domanda e curiosità di oggi sul mercato azionario.

Intanto vi ricordo che se volete scoprire quali sono le azioni più costose al mondo vi basta leggere qui:Le azioni più costose al mondo

ACCEDI ORA al gruppo Facebook Io Investo dove troverai ogni giorno video analisi dei titoli azionari, rubriche di approfondimento, supporto e assistenza da ben 4 analisti tecnici per l’analisi dei titoli che hai in portafoglio.

Le azioni non sanno mantenere i segreti

Nel 1954, l’economista Armen Alchian,apriamo una piccola parentesi.

Alchian fu un genio economico poco conosciuto, ebbe il merito di sfidare lo strapotere culturale occupato da Samuelson sull’economia e riaffermare il primato dell’analisi microeconomica e delle micro-basi per la discussione dell’analisi e della politica monetaria.

Ma arriviamo a noi e al perchè Alchian ha dimostrato che il mercato azionario non sa mantenere i segreti.

Alchian fu in grado di capire quale fosse il combustibile segreto per la bomba nucleare.

Come?

Solo guardando le quotazioni azioni dei fornitori di prodotti chimici sul mercato azionario, semplice, banale eppure geniale.

Seguendo i movimenti dei prezzi, Alchian è stato in grado di identificare il litio come combustibile fissile che veniva utilizzato proprio quale componente segreto della bomba all’idrogeno.

Lo studio di Alchian fu immediatamente confiscato e distrutto come una “minaccia alla sicurezza nazionale” e tutto fu messo a tacere, ma ciò diede un vantaggio competitivo agli USA.

Su, siate sinceri quante ne sapevate sul mercato azionario?

Fatemi sapere la vostra qui nei commenti.

Trasformati in un vero trader con il percorso da 0 a finalmente Trader, senza commettere quei terribili (e costosi!) errori che io stesso ho commesso 10 anni fa!.

Alessandro Moretti

Lascia un Commento